LETTURE E VISIONI – LUGLIO 2017

IL LIBRO

Mio carissimo rospo di Virginia Woolf, Elliot edizioni

“Mio carissimo rospo” è una raccolta delle lettere scritte da Virginia Woolf ai suoi familiari e conoscenti tra il 1888 e il 1900, periodo in cui l’autrice è prima bambina e poi adolescente, comunque ignara del suo futuro di grande scrittrice. Quanto della futura Virginia Woolf è possibile ritrovare in questi compitini, portati a termine sia per esercitarsi nello scrivere che per consolidare legami affettivi? È presto detto: poco o nulla si intuisce nelle concise frasette brevi, nei tentativi di utilizzare un vocabolario più ampio e meno banale, nella ricerca di un periodare ampio e articolato. Se qualcuno si accosta a questo epistolario sperando di ritrovare qualcosa della futura scrittrice, incapperà in una cocente delusione, in quanto si troverà di fronte a una testimonianza di vita vissuta, priva di pensieri segreti e profonde riflessioni, senza l’ombra di confidenze ardite o inenarrabili confessioni. Non ci è data occasione di sbirciare nel mondo interiore dell’autrice, perché imperscrutabile è il mistero che porta una bimba dall’esistenza non memorabile a maturare una personalità letteraria dalla voce imponente.

Continua a leggere

LETTURE E VISIONI – APRILE 2017

IL LIBRO
NeveNeve by Maxence Fermine

La grazia nella scrittura è realtà impalpabile, come fiocco di neve che incanta per la sua purezza. La bellezza della neve ispira il desiderio di possederla, e quando ciò accade il miracolo avviene per un breve istante, prima che la neve si sciolga al calore della mano.
La tensione verso la perfezione è propria dell’animo umano. Per questo Yuko, il protagonista del libro di Fermine, si consacra alla verità della neve e dà inizio al suo viaggio. Un viaggio che è il cammino di ogni uomo alla scoperta di se stesso, dell’amore, della poesia e dell’arte del funambolismo.

View all my reviews

Continua a leggere

“Sarò quello che sono” di Tommaso Vitiello ed Emanuele Parascandolo

Uscito nel mese di Aprile 2017 per la Gazzetta del Mezzogiorno, quindi nelle regioni di Puglia e Basilicata, il volume “Sarò quello che sono” apre la collana MIDI – Fumetti per il Sud curata da Hazard Edizioni: una serie prevista in dodici uscite, focalizzata su “temi sociali, fatti storici, personaggi, luoghi e leggende della Puglia e della Basilicata”. Leggendo il primo volume, dedicato a Rodolfo Valentino, è subito comprensibile che la qualità del lavoro è tale da rendere la raccolta preziosa.
Gli autori immaginano una notte trascorsa tra Castellaneta e Taranto, una notte in cui il sedicenne Rodolfo dà prova di bravura nel tango, suscitando l’invidia del coetaneo Salvatore, il quale insinua che è una femminuccia e ne ricava un pugno da Rodolfo. Tra i due inizia una scazzottata cui pone termine il buttafuori del locale. Lo scontro però è servito a Salvatore per convincersi che Rodolfo è un uomo, degno di rubare un paio di cavalli e dirigersi a Taranto per divertirsi con un paio di ragazze compiacenti… ma quella notte una scoperta attende il giovane, una scoperta che segnerà la sua vita. Continua a leggere

LETTURE E VISIONI – MARZO 2017

IL LIBRO

Oscure regioni: Racconti dell'orrore vol. 1Oscure regioni: Racconti dell’orrore voll. 1 e 2 by Luigi Musolino
My rating: 4 of 5 stars

“Oscure regioni” è un’antologia in due volumi che raccoglie i racconti horror di Luigi Musolino. Il fil rouge dell’intera opera lo trovo geniale: ogni racconto è dedicato a una regione italiana, di cui si esplora il lato oscuro, alla ricerca di miti e leggende nere, che prendono vita nella narrazione fino a diventare concrete minacce per i protagonisti dei racconti. La stesura presuppone una ricerca, da parte dell’autore, che rende i racconti ancora più interessanti. Non conoscevo, per esempio, le leggende delle regioni che più mi riguardano da vicino, perché queste riferiscono a tradizioni e credenze locali, che appartengono ai paesi, alle frazioni isolate, a quella realtà italiana che spesso dimentichiamo eppure continua la sua esistenza, all’ombra delle città viste dall’alto. Unico appunto alla narrazione è il peso delle sequenze descrittive, che talvolta nella lettura ho avvertito come eccessivo. Inoltre avrei gradito, nell’indice finale, una parentesi che specificasse le regioni protagoniste dei racconti. Nel complesso: un’opera pregevole, piacevole, preziosa. Continua a leggere

Letture e Visioni – Gennaio 2017

IL LIBRO

Figlia di nessunoFIGLIA DI NESSUNO by Amneris Di Cesare
My rating: 4 of 5 stars

La scrittura precisa e ammaliante dell’autrice trascina il lettore in una favela di Rio de Janeiro e gli fa vivere la vita attraverso gli occhi, la mente e il cuore della protagonista, Nivea, che trascorre la sua esistenza nell’unico modo concesso a chi, come lei, è “figlia di nessuno”. Vivere per Nivea significa sopravvivere, fare parte di una realtà dura, priva di sogni e ricca di prove da affrontare e superare. Eppure, anche se la protagonista afferma e ribadisce più volte che i sogni sono un lusso che non si può permettere, che i sogni non fanno parte del suo mondo sanguigno e spietato… proprio lei finisce col dimostrare quanto i sogni sono essenziali all’esistenza degli esseri umani e come, in definitiva, non li si possa separare dalla vita stessa. Dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fiori.

View all my reviews Continua a leggere

Letture estive – romanzi storici e gothic d’epoca

FlorenceFlorence by Stefania Auci
My rating: 4 of 5 stars

Ho trovato “Florence” notevole per l’accurata documentazione, la precisione del linguaggio e delle descrizioni d’ambiente. Interessante la scelta del periodo storico e affascinante il protagonista principale, carico d’entusiasmo per l’interventismo di inizio Novecento. Di grande attualità, purtroppo, il tema del romanzo: la guerra, il folle desiderio di morte, l’ansia di proiettarsi verso la distruzione totale e finale. Tema roboante nella prima parte, che acquista un tono dimesso, da sottofondo alle vicende sentimentali dei due protagonisti nella seconda metà del romanzo. Sembrerebbe quasi una frattura, ma il cambiamento è funzionale alla narrazione: dalla follia alla razionalità, dall’odio all’amore, dalla guerra alla pace. Il mio momento preferito: l’incontro del protagonista, Ludovico Aldisi, con un D’annunzio più decadente che mai. Unica nota negativa: ho avvertito il peso delle sequenze descrittive, nel momento in cui non si limitavano agli ambienti ma venivano estese al mondo interiore dei personaggi. Continua a leggere

Letture estive – Fantascienza

bolleLe bolle di Yuanyuan by Cixin Liu
My rating: 5 of 5 stars

Veramente geniale la narrazione di Cixin Liu in ‘Le bolle di Yuanyuan’, in quanto coniuga perfettamente forma e contenuto, leggerezza e densità concettuale. Motore della vicenda è un conflitto sempre attuale: il vecchio e il giovane, due mondi a confronto che ne celano altri, sottintendendo ulteriori dicotomie (padre/figlia, passato/futuro, dovere/piacere). Continua a leggere