LETTURE E VISIONI – MARZO 2017

IL LIBRO

Oscure regioni: Racconti dell'orrore vol. 1Oscure regioni: Racconti dell’orrore voll. 1 e 2 by Luigi Musolino
My rating: 4 of 5 stars

“Oscure regioni” è un’antologia in due volumi che raccoglie i racconti horror di Luigi Musolino. Il fil rouge dell’intera opera lo trovo geniale: ogni racconto è dedicato a una regione italiana, di cui si esplora il lato oscuro, alla ricerca di miti e leggende nere, che prendono vita nella narrazione fino a diventare concrete minacce per i protagonisti dei racconti. La stesura presuppone una ricerca, da parte dell’autore, che rende i racconti ancora più interessanti. Non conoscevo, per esempio, le leggende delle regioni che più mi riguardano da vicino, perché queste riferiscono a tradizioni e credenze locali, che appartengono ai paesi, alle frazioni isolate, a quella realtà italiana che spesso dimentichiamo eppure continua la sua esistenza, all’ombra delle città viste dall’alto. Unico appunto alla narrazione è il peso delle sequenze descrittive, che talvolta nella lettura ho avvertito come eccessivo. Inoltre avrei gradito, nell’indice finale, una parentesi che specificasse le regioni protagoniste dei racconti. Nel complesso: un’opera pregevole, piacevole, preziosa.

View all my reviews

IL FILM

To walk invisible di Sally Wainwright

Film sulle sorelle Brontë trasmesso dalla BBC nel Dicembre 2016. Se si conoscono e amano le tre scrittrici inglesi, la visione è d’obbligo. Diversamente, è difficile che la pellicola possa suscitare interesse, considerata l’assenza di spiegazioni sulla storia pregressa e chiarimenti delle relazioni tra i personaggi. Il film prende in esame la decisione delle tre sorelle di vivere grazie alla scrittura e i loro piani per emergere in un mondo che non contempla per le donne la possibilità di lavorare, e men che mai come scrittore. Le tre utilizzeranno degli pseudonimi maschili per rendersi invisibili. Lo stratagemma funziona e le sorelle, seppur in varia misura, hanno successo. Non così il loro sfortunato fratello, anche lui dotato di immaginazione e inventiva, ma segnato dall’alcolismo. Il film offre una ricostruzione storica di tutto rispetto, e ha l’unico difetto di risultare poco piacevole per un pubblico generalista. Personalmente, l’ho adorato.

IL FUMETTO

Marie Antoinette di Fuyumi Soryo

Fuyumi Soryo è un’autrice giapponese nota in Italia per i suoi manga destinati alle ragazze (Mars su tutti) e per la monumentale biografia a fumetti di Cesare Borgia. Questo volume unico, dedicato alla più famosa regina di Francia, è edito in Francia da Glénat e si vale della supervisione dello Château de Versailles. La ricostruzione storica è, come si intuisce, impeccabile. La trama prende in esame poco più che un frammento della vita di Maria Antonietta: la partenza dall’Austria, il giorno del suo arrivo in Francia, le difficoltà nel rispettare il rigido protocollo del cerimoniale di corte, il rapporto col consorte, dal carattere chiuso e schivo. L’autrice fotografa infine la raggiunta felicità coniugale tra i due, quando i tre eredi della corona sono stati messi al mondo. Evidente l’intenzione di sottolineare come, al di là dei dubbi e delle inquietudini, la sovrana sia stata anche felice, prima del noto epilogo della sua esistenza. Luogo della felicità è il Trianon, che ancora oggi offre un’oasi di pace e di tranquillità, in quel di Versailles.

View all my review

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...