Nel nome di Bast

GattoMarzio
La sua pancia è un richiamo irresistibile. La peluria, una sfida a quell’indifferenza che coltivi minuziosamente ogni giorno e con un certo senso di compiacenza. I colori pastello e nivei sono una promessa di candore, il presagio di una regressione allo stato infantile.
È quasi l’una di notte, perché questo stramaledetto felino non va a dormire? Gli hai dato da mangiare, anche se eri stanco morto di ritorno dall’Università. Lo hai pettinato, mentre lui miagolava ritmicamente. Lo hai lisciato per benino, carezzato con cura, ti ha offerto le fusa in segno di pace. Ora è arrivato il momento per te di riposare, dopo aver cercato di aggiungere battute a una tesi che non finirai mai. Tra cinque ore dovrai perpetuare la tua ciclica quotidianità, svegliarti e dare inizio alla tua giornata.
Lui miagola, intermittente, a mo’ di cantilena, spanciato a terra ai piedi del letto come il Budda disteso sulla ricchezza; i suoi occhi di giada, lo sai che ti stanno guardando. Allora prova con il metodo Stanislavskij: sei un albero, sei marmo, sei granito, non farti fregare amico, hai diritto – un diritto sacrosanto – alle tue cinque ore di sonno. Non sono sufficienti, ma ne hai diritto. Sei uno scoglio che sfida la tempesta, sei un transatlantico che scivola placido sul mare, avanzando con rotta sicura. Sei la statua che rimane immobile di fronte a un palazzo che le crolla addosso.
Ma il miagolio ti martella nella mente. Lui agitando la coda si distende, invitante nella posa di resa assoluta e la tua fermezza si sbriciola come un pavesino nel latte. Sei il Titanic, sei l’Andrea Doria, la Costa Concordia arenata al largo del Giglio. Tutto ciò che vuoi è affondare le dita in quella morbidezza, in quel batuffolo caldo.
Un tempo, in Egitto, i gatti erano considerati delle divinità. Oggi, evidentemente, lo sono ovunque. Sospiri e ti alzi, con la consapevolezza che vivi solo per essere schiavo ed è suo il pelo che governa il mondo.

Racconto completo di Emilia Cinzia Perri, inedito.
Nella fotografia: gatto Marzio.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...